domenica 29 giugno 2008

Mercato Trionfale...a quando ???

Luca Aubert, capogruppo del PDL nel nostro Municipio, ci fa sapere. dopo aver effettuato un sopralluogo, insieme all'Assessore ai Lavori Pubblici del XVII Municipio presso il cantiere del nuovo mercato Trionfale, che la consegna della nuova sede, non potrà essere effettuata entro luglio (così come era stato invece comunicato).

Per di più, continua Aubert, "pare che gli operatori commerciali non abbiano ancora raggiunto un accordo sul posizionamento dei banchi e sulla sistemazione dell'area con l'ottavo dipartimento comunale."

"C'è grande preoccupazione nei residenti (n.d.r. che da lungo tempo soffrono una situazione di disagio) per i tempi di consegna del mercato, pertanto si chiede di render noto alla cittadinanza lo stato di avanzamento dei lavori, e notizie su come sarà riqualificata via Andrea Doria."

"Si chiede anche se verrà, o no, costruito un nuovo asilo nido all'interno dell'area che ospiterà il mercato."

Attendiamo anche noi, insieme ai residenti più direttamente interessati, notizie dal nostro Municipio.

Saluti

venerdì 27 giugno 2008

Via Baiamonti, potremmo sapere qualcosa ???

Non arrivando nessuna risposta dal nostro Municipio, ed in particolare dall' Assessore Del Gobbo, che, dopo aver ricevuto una email, da me spedita mercoledi 18 giugno alle 14,30 ed averla aperta, si suppone per leggerla, (lui o chi per lui), lo stesso giorno alle ore 15,34, in cui lo invitavo a prestare la dovuta attenzione a quanto a me pervenuto da una lettrice del Blog, credo di poter dire che, evidentemente, non ritiene ne utile, ne necessario , informare i residenti su cosa si stia facendo in via Baiamonti, e perché si sia chiusa una strada pubblica.

Sono andato stamane, a verificare se quantomeno, ci si fosse presi la briga, nel frattempo, di apporre un cartello (che per altro, se non sbaglio, dovrebbe essere apposto per legge), indicante quali lavori si stanno svolgendo, la data di inizio e di fine, e l'ordinanza della Polizia Municipale per la chiusura della strada...

Come si vede nella foto, in cui si scorge, sulla destra , davanti al muso della macchina rossa, solo un cartello che indica le misure di sicurezza da adottare per gli operai...Nulla di tutto ciò.

A nome di Simona, mio personale, e di tutti i frequentatori di questo Blog... Grazie della considerazione.

Saluti

Altri possibili posti auto...

Basta farsi un giretto nel quartiere per rendersi conto che ci sono altri piccoli possibili interventi, (ma tanti piccoli ne fanno uno sicuramente apprezzabile) che, nel rigoroso rispetto dei nostri viali alberati, decisamente da salvaguardare, potrebbero migliorare la situazione "parcheggi".

Oltre via Muggia, ad esempio, c'è via Giunio Bazzoni (traversa di v.le Mazzini).

Qui, tra le carreggiate stradali, c'è un largo divisorio (come si vede nella foto). Basterebbe eliminare una piccola parte di marciapiede, quella tra la fila di alberi e le auto parcheggiate, (resterebbe comunque una AMPIO spazio centrale), per permettere alle stesse di essere posizionate a "spina di pesce", ottenendo così, vista anche la lunghezza della strada, un notevole incremento di posti auto.

Non sarà il caso di valutare "anche" queste piccole cose prima di scavare ulteriormente sotto i nostri vetusti palazzi per costruire parcheggi sotterranei, con il rischio di mettere a repentaglio la stabilità delle nostre abitazioni ???

Saluti

giovedì 26 giugno 2008

Complimenti al Servizio Giardini...

Che, dopo le segnalazioni di alcuni cittadini, ha prontamente rimosso, nel giardino di via Plava, un abbastanza alto, grosso, e pericoloso ramo di un pino che, essendosi spezzato alla congiunzione con il fusto, creava non pochi problemi di sicurezza.

Grazie

Saluti

Continuo a riproporre, perché continuo a non capire...

Cosa ? Semplice, Considerando che, quando si ripristineranno le soste tariffate nel quartiere (speriamo presto), si dovranno anche (finalmente) rispettare i regolamenti che prevedono aree di parcheggio libero ed il divieto di parcheggio a meno di 5 mt. dagli incroci (e perciò, in teoria, i posti disponibili dovrebbero diminuire), perché non si cerca di individuare altre possibili aree di parcheggio come, ad esempio, quella descritta qui ?

Saluti

mercoledì 25 giugno 2008

Villa Mazzanti...comincia il recupero ???

Ricevo, da Roberto Tavani, Assessore all'Ambiente, questa notizia:

In Municipio, si è svolta una riunione con i soggetti competenti ai problemi dell' Area Giochi di Villa Mazzanti.

Pervengono infatti numerose segnalazioni che lamentano lo stato di degrado in cui versa l'area, che potrebbe essere frequentata da bambini, famiglie ed amanti della natura e che invece versa, nonostante alcuni interventi di migliorìa, in una condizione tale da scoraggiare i visitatori.

Roulottes di nomadi, bivacchi notturni che generano accumuli di rifiuti al mattino, atti vandalici inqualificabili e la mancata chiusura notturna sono problemi non facili da affrontare.

Onde evitare il completo abbandono dell'area ho promosso questo incontro con AMA, Servizio Giardini, Vigili Urbani, Ufficio Decoro Urbano, Romanatura, Assessorato alle Politiche Sociali, per condividere gli interventi - ognuno per la propria competenza - da effettuare nel più breve tempo possibile per provare a ridare ai cittadini la possibilità di godere della bellezza del luogo.

I problemi da risolvere sono tanti. Ricordo che i Municipi non sono dotati di una capacità autonoma di intervento diretto sul degrado urbano.

Comunque, da parte del Municipio XVII, col concorso degli altri soggetti di cui sopra, si è intanto proposto di procedere in tre direzioni:


- garantire la chiusura notturna dell'area
- intensificare i controlli di polizia e l'azione dei servizi sociali
- organizzare eventi culturali che diano il senso della fruizione del luogo in maniera differente.

Naturalmente vi terrò informato sugli sviluppi, che richiederanno uno sforzo straordinario di attenzione e la costante iniziativa di tutti soggetti elencati, e mio personale.

--------------------------------------------------

Apprendiamo con gioia che, quanto meno, si è iniziato a lavorare per restituire alla cittadinanza, il legittimo uso di quell'area, anche se, dalle parole del nostro Assessore, si capisce che non tutto dipende dal Municipio XVII, e che sarà cosa lunga e faticosa.

Saluti

Giovanna Dalla Torre ci lascia, a soli 28 anni...

Giovanna Dalla Torre, da poco eletta Consigliere al Municipio XVII, nella notte tra il 23 e il 24 giugno ci ha lasciati.

Vorrei testimoniare innanzi tutto alla famiglia, la mia vicinanza e quella di tutti i lettori del Blog perché posso immaginare il vuoto e la disperazione che può procurare la perdita di un figlio a soli 28 anni.

Io non ho mai avuto il piacere di conoscerla, ma sono certo che, a quell'età, ed avendo raggiunto da poco, un obiettivo importante, non poteva che avere una gran voglia di lavorare e contribuire a migliorare la vita nel nostro Municipio e perciò credo si meriti il ringraziamento di tutti noi residenti.

Grazie Giovanna

martedì 24 giugno 2008

Siti per il Municipio XVII...la palma del migliore

Sulla colonna di destra, in basso, è presente una sezione chiamata: "Siti per il Municipio XVII".

Sono presenti lì, alcuni link a siti che, sostanzialmente, hanno attinenza con la vita sociale (e politica) del nostro quartiere...ma qual'è il migliore ???

Beh...per me, è senz'altro quello che ci da più informazioni possibili e ci tiene aggiornati su cosa, giorno per giorno, il nostro Municipio propone e decide, e perciò direi che (al momento):

1 palma d'oro - Lorenzo Mazzoni
2 palma d'argento - Roberto Tavani
3 palma di bronzo (a pari merito) - Alessandro Pirchio, Claudio Casano, Luca Aubert, Luigi Avveduto

Particolare menzione va al sito di Antonella de Giusti che è stato aggiunto da poco (perché non lo conoscevo), molto ben fatto e che contiene notizie, indubbiamente interessanti, su quanto si promette di fare in questa Consiliatura, ma una volta lette quelle, se non verrà costantemente aggiornato con informazioni riguardanti i lavori e le iniziative, da lei portate avanti, temo diventerà solo una "vetrina elettorale" e nulla più, perciò, al momento, giudizio...sospeso.

Sarebbe bello che tutti facessero a gara per aggiornare spesso i loro siti e darci informazioni su cosa succede nei lavori Consiliari del nostro Municipio, come fa sopratutto il vincitore della (virtuale eh...) palma d'oro, ma la campagna elettorale è finita e certamente avranno altro da fare...comunque ogni tanto gli facciamo una visita e vedremo a chi sarà assegnata la prossima "palma del migliore".

Io comunque assegnerei a tutti indistintamente una "palma di diamante" se riuscissero ad installare una telecamerina con cui seguire su internet, comodamente da casa e, perché no, anche magari in differita, i lavori Consiliari.

Yes, you can do it...e allora che aspettate visto che, se ho ben capito, maggioranza e opposizione, siete tutti d'accordo ?

Saluti

Via Camozzi...problemi notturni

Cristiana mi scrive:

Caro Matteo,

prima di tutto complimenti vivissimi per il blog, è una eccellente iniziativa. Lo leggo spesso, ricevo la newsletter, e lo trovo molto interessante e anche ben concepito, mi piace molto che la politica ne sia al di fuori perché anche io sono una dei tanti abitanti del nostro bel quartiere che vorrebbe semplicemente che le cose funzionassero meglio.

Vorrei sottoporre alla tua attenzione l'insostenibile situazione di degrado notturno (ma le tracce si vedono anche al mattino) delle scale antistanti la scuola media Dante, detta "il dantino", in via Camozzi.

Da quando il piccolo bar sito su viale Angelico davanti alla pista di pattinaggio, cambiando gestione pochi anni fa, ha iniziato a restare aperto fino alle ore piccole, nugoli di ragazzi e ragazze fanno la spola tra questo baretto e le scale della scuola.

Se la presenza di gente allegra sotto le finestre potrebbe essere piacevole in un contesto civile, purtroppo la realtà è assai lontana: considerata l'esuberanza (forse in alcuni casi dovremmo dire maleducazione...) dovuta all'età e soprattutto il tasso alcolico, che appena sale dà luogo a grida e lancio di bottiglie che si spezzano (i marciapiedi e i bordi della strada sono cosparsi di frammenti taglienti che ogni mattina lo spazzino pazientemente rimuove, non del tutto ovviamente), il risultato è davvero desolante.

Posso assicurare che anche d'inverno, con le finestre chiuse, a volte è impossibile riuscire a sentire un programma in tv. Figuriamoci adesso che si dorme con le finestre aperte...

A volte cantano a squarciagola, altre si insultano, a volte giocano a palla facendo suonare qualche antifurto delle auto che inavvertitamente colpiscono, si esprimono utilizzando molto spesso epiteti irripetibili e persino bestemmie, altre volte originano vere e proprie sceneggiate spaventose (in rarissimi casi sono intervenute le forze dell'ordine ma una volta una volante è stata presa a bottigliate ed è subito scomparsa), chi alza troppo il gomito diventa rissoso, è capitato che siano venuti alle mani o che dopo clamorose risse verbali che svegliano tutti gli inquilini degli stabili vicini alla scuola in piena notte siano seguiti pianti, grida, scene davvero spaventose che non solo turbano il sonno ma anche la tranquillità emotiva di chi ci abita ed è costretto a subire un clima da periferia degradata (bambini inclusi).

Lo spazzino e a volte il bidello della scuola ripuliscono le scale anche dal vomito, poiché ovviamente capita molto di frequente che queste persone diano di stomaco per il troppo bere.

Negli anni scorsi venne fatto un esposto alla polizia da parte di un paio di stabili, ma non sortì alcun effetto.

Intanto, sul bar a viale Angelico, gli appartamenti si svuotano (vendesi, affittasi).Mi era persino venuto il dubbio che fosse una manovra per far crollare i prezzi ed acquistare a meno... ma chiaramente quando si resta forzatamente svegli per ore, le capacità cerebrali si annebbiano, mi rendo conto che questa non è un'ipotesi troppo plausibile.

Dal canto mio, mi sono messa a cercare altrove, ma mi domando perché mai devo essere costretta a lasciare la casa che mi piace tanto, senza considerare quanto denaro si spreca nel passaggio di vendita e riacquisto?

Insomma, cosa si può fare per restituire a chi abita in via Camozzi e all'angolo con viale Angelico un po' di sonno notturno e al nostro quartiere una scuola meno degradata (scritte sui muri, portoni appena rifatti già sbruciacchiati e scarabocchiati, immondizia che ricopre le scale, ecc)?

Grazie per l'attenzione,

Cristiana

-----------------------------------------------

Ringrazio Cristiana per i complimenti e spero che gli Assessori e i Consiglieri del nostro Municipio (che, chi più chi meno, danno spesso una occhiata a cosa si scrive sul Blog), possano quantomeno dirle se la situazione non ha speranza, oppure se si può fare qualcosa (e soprattutto cosa) per migliorarla.

Se arriveranno notizie le pubblicherò al più presto.

Saluti

lunedì 23 giugno 2008

Festa dell'estate di Equociquà...

Equociquà, è una cooperativa sociale ONLUS che si occupa di promuovere il commercio equo e solidale, ed ha una Bottega in Via degli Ombrellari 2 (zona Borgo Pio) tel. 06.6896177

Prima delle partenze estive, sta organizzando per venerdì 27 giugno, un piccolo evento per farsi conoscere nel quartiere, e sensibilizzare i cittadini sul commercio equo e i valori di cui è portatore.

Pertanto ci aspetta per offrirci:

Un aperitivo a base di musica, "buonezze" equosolidali, e fiumi di guaranito!

Io sono molto incuriosito, soprattutto dal "guaranito" che non so proprio cosa sia e perciò, credo che non mi perderò l'evento e spero che, chi mi legge, farà atrettanto.

Saluti

Parcheggi per disabili...tutto in regola ???

Luca Aubert, del PDL, ci fa sapere che è stata presentata dal suo gruppo, al nostro Municipio, una mozione urgente atta a far aprire una inchiesta (da terminare entro l'estate) su eventuali abusi nella concessione dei permessi di parcheggio ai disabili.

Mi associo in pieno all'iniziativa e sembra anche a me, sia assolutamente necessario controllare, e aggiungerei, non "una tantum", ma con cadenza almeno annuale, che, chi ha ottenuto il permesso, (giusto, se ha una disabilità tale da impedirne gli spostamenti), di avere un "parcheggio privato" sotto casa, abbia anche tutti i requisiti per continuare ad averlo.

Se poi si troveranno alcuni che ci hanno "marciato"...che dire ? posso solo fargli i miei auguri affinchè riescano a raggiungere il loro obiettivo, che è quello di diventarlo, (disabile), al più presto, così potranno continuare a tenere la macchina sotto casa senza più prendere per il ..... i loro vicini e dirimpettai che certe cose non si sognano proprio di fare e che, sicuramente, vengono da loro considerati "gli ultimi dei fessi" !

Saluti

Hai voluto la bicicletta...e mò pedala !

Qualche mese fà, ho colto l'occasione, ed avendo un vecchio motorino, praticamente da rottamare, lo ho portato ad una nota ditta romana che produce bici elettriche, (quella della foto scattata sabato all'Ecofest), gli ho lasciato il motorino ed ho avuto il 30% di sconto (incentivi statali) sulla mia nuova e bella bicicletta.

Devo dire che per gli spostamenti nel quartiere (ma anche ben oltre, se se ne ha il fegato) il mezzo è assai valido ed economico (con circa 5 centesimi di corrente si ricarica la batteria che permette di fare ben 25 chilometri a motore sempre acceso).

Le dolenti note, però, vengono dalle piste ciclabili.

Nella foto scattata sabato scorso, ad esempio, (che si riferisce alla pista che sale su a Villa Borghese, appena dopo piazza delle Belle Arti), vediamo come vengono considerate, da chi, terminato, immagino, il proprio turno di lavoro, ha abbandonato le potature degli alberi di quella strada, proprio li in mezzo.

Nel nostro quartiere, le cose vanno un po meglio, anche perché le potature degli alberi, ai lati delle piste, non sono (ancora !?) state effettuate e si rischia solo di beccarsi qualche ramo in faccia se non si sta bene attenti a dove passare.

Ma la cosa più pericolosa, per la propria e l'altrui incolumità, sono... i pedoni.

Non so perché, (forse le scarse, o nulle, indicazioni ???), ma la consapevolezza che quella striscia rossa sia da considerare, a tutti gli effetti come una strada e non come un marciapiede, sembra essere ben lontana dalla mente di ognuno.

Saluti

Festa dell'Associazione Amka...

L'Associazione Amka ha organizzato per sabato 28 giugno, un piacevole "spiaggia-party" finalizzato alla raccolta fondi per finanziare le proprie attività (se vuoi leggere il volantino, cliccaci sopra).



Ed ecco la presentazione dell'evento:


Festa in spiaggia a Capocotta

E’ arrivato il momento di festeggiare insieme! L’appuntamento è fissato per sabato 28 giugno, ore 23.00 allo stabilimento “Mediterranea” di Capocotta (via Litoranea Km 8).



Quest’anno l’evento sarà particolarmente strutturato: DJset (disco, house DJ Blasina – minimal, house, funk Dj Saletta from London FM and UrbanSoundMusic), open-bar, esposizione dei progetti degli studenti dell’ISIA di Roma realizzati in occasione del workshop “H2O water = life”, allestimento artistico a cura di alcuni studenti di scenografia dell’Accademia di Belle Arti di Roma e una mostra fotografica sul Congo.



Per l’entrata chiediamo un’offerta di 15 euro e tutto il ricavato andrà a sostegno dei progetti che AMKA porta avanti nella Repubblica Democratica del Congo.

Prima della festa sarà possibile mangiare pesce in spiaggia alle ore 21.00. Il menù è accattivante:



Riso nero gamberi e pachino (freddo)

Risotto alla crema di scampi (caldo)

Spiedino di pesce misto

Patate arrosto

Frutta

Acqua e Vino



Per cenare chiediamo un’offerta di 20 euro, ma per chi cena l’ingresso alla festa sarà di soli 10 euro!



Per le prenotazioni contattateci allo 06 64760188 o via mail a info@assoamka.org…..spargete la voce e portatevi un maglioncino.



Ci vediamo sabato 28 giugno!

giovedì 19 giugno 2008

Letture d'estate...a Castel S. Angelo



Comincia sabato 21 giugno "Letture d'estate lungo il fiume e tra gli alberi".



Stamattina si è svolta la conferenza stampa di apertura, condotta da Rosanna Vano, direttrice della manifestazione, a cui ho piacevolmente partecipato perché credo sia una delle più belle e interessanti iniziative per il quartiere, dell' estate romana 2008.



Un grazie va anche al nostro Municipio che ha concesso l'utilizzo dei luoghi dove tale manifestazione avrà luogo. (Più di questo, ci fa sapere Antonella De Giusti che era presente, a sostegno dell'iniziativa, non è stato possibile per mancanza di fondi)



Ed ecco la presentazione, a me pervenuta, dagli organizzatori:


Letture d’estate lungo il fiume e tra gli alberi

Giardini di Castel Sant’Angelo (21 giugno – 17 agosto)

Ingresso libero


Letture d’estate lungo il fiume e tra gli alberi è la manifestazione senza biglietto d’ingresso e aperta a tutti, che si svolge presso i giardini di Castel Sant’Angelo - nel cuore del centro storico della città - che continua il suo cammino con una formula che si è consolidata nel tempo e che rispecchia interamente il consenso del Pubblico. Assolutamente gratuita, totalmente autofinanziata.



Una delle prime iniziative estive e serali di Roma, unica nella sua completezza di offerta, imitata dalla maggior parte delle manifestazioni del cartello Estate Romana, questa edizione della manifestazione si sviluppa dal Lungotevere Castello alla lunga passeggiata lungo i quattro viali dei Bastioni dei Giardini.



Offre una vasta, interessante e diversificata proposta gastronomica, tale da accontentare qualsiasi palato, fosse pure il più sofisticato, con un rapporto qualità-prezzo vincente.



Chilometri di libri, un’offerta davvero irripetibile di migliaia di titoli, scelti con l’occhio attento al portafoglio e un grande riguardo per la piccola e piccolissima editoria di qualità e contenuti; stands di oggettistica e curiosità provenientti da cinque continenti; quattro luoghi deputati all'intrattenimento e allo spettacolo, due aree giochi, con una tale qualità di Artisti, e varietà di proposte, dalla musica classica alla lirica, dal teatro alle canzoni d’autore, dalla musica popolare al tennis da tavolo tali che anche il visitatore più disincantato non può non trovare qualcosa che lo incuriosisca, lo affascini, lo diverta.



Letture d’estate lungo il fiume e tra gli alberi offre infatti un intrattenimento garbato di gran qualità dalla mattina a notte fonda, senza dimenticare momenti di confronto per la crescita civile e democratica, che dai temi più legati al territorio arrivano ad affrontare argomenti di interesse generale; incontri con popoli e culture assai lontane e diverse da noi.

Per questi motivi l’iniziativa, patrocinata dal Municipio Roma XVII, avvicina un Pubblico molto vasto e vario per età, stili di vita, e professioni, che possono partecipare a tutte le iniziative, compresi gli spettacoli.



Potrebbe indicarsi quasi come l’evento estivo del quartiere, ma nella realtà dei fatti i nostri Visitatori arrivano da tutte le zone di Roma, della provincia, del mondo.



Non ci può esssere una calda sera d’estate senza la compagnia di una birra ghiacciata, amici e tanta buona musica. A tutto questo ci penserà il collaudato staff del Fonclea, che dalla storica sede di Via Crescenzio arriva ad Invito alla lettura con una ricchissima programmazione di concerti Swing, Jazz, Rock e Soul. Ritroverete tutti i gruppi che animano il Fonclea , Anime Latine,Four Vegas, Marco Liotti, i Buscaja, i Carosoni, i Lennon legend, Rosa Lembo,i Maghi di Ox, Elsa Baldini, la musica caraibica dei Cuba Linda e tanti altri gruppi oltre alla comicità di Greg e Lillo.



Il 21 giugno ad inaugurare il palco dei giardini i Four Vegas di Alessandro Bianchi.



Ogni lunedi come da tradizione ormai al Fonclea proseguono i “lunedì di Greg” dove i riflettori sono puntati su Greg e tutto il suo universo rockabilly.



Il Lunedì 23 giugno Greg suona con i Blueswillies orchestra Swing’Roll per un salto negli anni cinquanta in una cornice di humour ed eterno nonsense del terzo millennio.



Notti di note, qualcosa di buono da mangiare, la vista incantata delle luci e delle ombre di uno dei più suggestivi angoli di Roma. Castel S. Angelo non potrebbe vivere un’estate più magica!



Scarica, o leggi,il programma fino al 15 luglio



Segreteria organizzativa 06 6873676



info@invitoallalettura.org www.invitoallalettura.org

mercoledì 18 giugno 2008

Via Baiamonti...proprietà feudale o strada comunale ?

Simona mi fa pervenire questa email:

Caro matteo,

è un po' che leggo il tuo blog e ti ringrazio perchè ti occupi, in maniera chiara, puntuale e senza secondi fini (che non siano quelli di vivere meglio il nostro quartiere), di cose che riguardano tutti, ma che, forse per mancanza di tempo o per semplice "pigrizia", spesso non affrontiamo come meriterebbero!!!

Fatta questa premessa, volevo chiedere a te (o a chiunque stia leggendo) se sapete qualcosa della chiusura di Via Baiamonti, strada che io stessa faccio anzi, "facevo" regolarmente per raggiungere la mia abitazione: siccome Via Fratelli Rosselli è a senso unico, adesso devo girare intorno alla Posta ed entrare dall'altra parte della via oppure fare Via Silvio Pellico.

Per carità, il disagio non è insopportabile, ma mi chiedevo il perchè di questa chiusura visto che essa si è verificata proprio in concomitanza con la ormai famosa sentenza del TAR che ha sospeso le strisce blu ed inoltre, in contemporanea, si è provveduto a destinare il marciapiede intorno al palazzo, (che prima era una caserma e poi diventato sede di altri uffici della Corte dei Conti) ,a parcheggio riservato ai dipendenti degli uffici, con tanto di striscia gialla e scivolo asfaltato, il tutto realizzato a tempo di record!!!

Allora mi domando: che stanno realizzando ? Un parcheggio fra i due palazzi, ad uso e consumo esclusivo della Corte dei Conti?

Il marciapiede appartiene al palazzo oppure al comune? E, se appartiene al Comune, è così facile e rapido ottenere un permesso per far parcheggiare le macchine (tra l'altro fino al limite della strada, senza rispettare i "fatidici" 5 metri, di cui tu parli sovente) su una zona destinata esclusivamente ai pedoni? Le macchine nella nostra città hanno sempre più diritti di pedoni, biciclette e motorini?

Grazie a te e a chiunque mi sappia dare notizie.

Simona
-------------------------------------------------

Prima di Pubblicare questa email, ho fatto un giretto li e vorrei aggiungere altre due cose:

1) Ne da una parte, ne dall'altra del cantiere, spuntato come un fungo nel bel mezzo della via, ci sono indicazioni di quali lavori si debbano fare e quale sarà la loro durata.

2) Ho chiesto ad un custode del cantiere che mi ha risposto: "Devono rifare le facciate" e, alla mia osservazione che per rifare le facciate non serve chiudere una intera strada, peraltro pure molto larga, ha aggiunto:" e si, devono rifare pure la strada" (che sembra in perfetto stato)...

Insomma Simona, il sottoscritto, e, immagino, tanti altri residenti che non hanno tempo di preoccuparsene, ma che sicuramente sono, quanto meno curiosi, vorrebbero sapere cosa si stà facendo in quella via, e come sia stato possibile cambiare in un battibaleno, la destinazione d'uso, da marciapiede a parcheggio privato sulle 3 strade del quartiere che circondano l'edificio di cui parla Simona....

Attendiamo cortesi notizie dal nostro Municipio ed, in particoloare, dall'Assessore Del Gobbo a cui manderò oggi una email per invitarlo a leggere questo articolo.

Saluti

P.S. Email inviata alle 14,30 di oggi

lunedì 16 giugno 2008

Vorrei chiarire una volta per tutte...

Sabato 14 giugno, sono passato a via Sabotino dove era stato organizzato il gazebo del Municipio per la raccolta delle firme dei residenti (mi risulta che, solo lì, sarebbero state raccolte circa 500 firme in meno di due ore). Firme che dovrebbero servire a sollecitare l'urgente ripristino delle soste tariffate in Prati, che sta vivendo giornate di caos, da quando la (giusta) sentenza del TAR le ha annullate.

Con queste firme, si chiede si il ripristino, MA, si chiede anche il rispetto delle regole che prevedevano quote di parcheggi liberi e, non di meno, il rispetto del codice della strada che prevede l'impossibilità di creare aree di sosta a meno di 5 metri dagli incroci.

Anche l'opposizione chiede, e da lungo tempo, le stesse cose, e ci fa sapere che l'Assessore Marchi, ha già pronto un piano per risolvere il problema pertanto, secondo loro, tutta questa mobilitazione risulta inutile ed è solo mera propaganda politica.

Io non ho idee a proposito, e, anche se le avessi, me le terrei per me. Quello che conta è che, nel rispetto delle regole sopra citate, le famose "strisce blu" vengano ripristinate al più presto nell'interesse di tutti i residenti, perciò, benvenga tutto quanto possa favorire una rapida decisione, comprese le firme raccolte dal Municipio e dall'Associazione Civico 17.

Ma veniamo all'argomento del post. Anche la nostra Presidente, Antonella De Giusti, era lì a testimoniare la forte volontà del Municipio, e, quando ha notato la mia presenza, mi ha subito appellato così: "Lei mi deve dire cosa ha contro di me, mi attacca in campagna elettorale per le vele pubblicitarie a piazza Mazzini, e poi non pubblica una mia email che le ho mandato, sempre in quel periodo, dove rispondevo punto per punto, ad alcune critiche apparse sul suo Blog...insomma lei pubblica cose false e tendenziose !".

Dopo un attimo di meraviglia, perchè non mi aspettavo proprio una simile "tirata di orecchie", le ho risposto che non mi risultava di aver ricevuto sue email, in periodo elettorale, che rispondessero ai requisiti da lei menzionati e che, comunque, avrei controllato quanto affermava...ma chiedendo anche a lei, di fare altrettanto.

Bene, dopo aver controllato e ricontrollato tutta la sua corrispondenza che, così come quella di ogni altro, viene da me archiviata scrupolosamente da quando ho aperto questo Blog, posso tranquillamente affermare che la memoria non mi inganna e che, sicuramente in buona fede, la D.ssa De Giusti sarà anche convinta di avermi mandato una email del genere, ma questa mail, o non è mai uscita dal suo PC e giace nella cartella "posta in uscita", oppure, per i motivi più disparati, che ignoro, gli sarà tornata indietro e, se così, avrà sicuramente traccia di questo nella sua cartella "posta in arrivo", perché, quando ciò accade, il server di posta manda sempre un messaggio automatico che informa il mittente, del problema.

Rendendomi comunque conto che ci possono essere stati altri problemi (molto, ma molto, ma molto rari come, ad esempio, un malfunzionamento o un intervento di manutenzione sul server di posta elettronica nel giorno in cui questa email "sarebbe" stata spedita), la invito però, in futuro, (cosa che io faccio regolarmente) ad usare una funzione molto pratica, presente su tutti i programmi di posta elettronica e che permette di dipanare ogni possibile equivoco.

Si tratta di attivare la richiesta automatica della "ricevuta di ritorno" che permette di conoscere se e quando, il destinatario ha aperto il messaggio per (si suppone) leggerne il contenuto. Questo, ovviamente se il destinatario ha attiva la risposta automatica a questo genere di richiesta, o comunque, se dà il suo consenso all'invio al mittente, di questo particolare "messaggio-ricevuta".

Comunque, in attesa di avere notizie da lei, e di poter pubblicare (così come ho sempre fatto), con molto piacere anche se in ritardo, quanto mi sarebbe dovuto pervenire in periodo elettorale, colgo l'occasione per chiarire alcune cose:

1) Non ho assolutamente nulla di personale contro la nostra Presidente D.ssa De Giusti, anzi, se parliamo del lato umano, devo dire che mi sta decisamente simpatica e pertanto non ho certo la propensione a criticarla per motivi di antipatia.

2) Sotto il lato ideologico, anche se lei sicuramente pensa io sia di destra, e perciò abbia secondi fini, (me lo ha fatto capire in un precedente colloquio, quando gli chiedevo una breve video-intervista che mi ha negato "per mancanza di tempo" durante la campagna elettorale, e che avrei voluto inserire tra le altre fatte ai candidati Presidente del nostro Municipio, i quali potranno tutti testimoniare che, per eseguirla, non gli ho fatto perdere più di un quarto d'ora del loro prezioso tempo, così come avevo chiesto a lei), spero si sia letta questo articolo in cui mi presento ai lettori del Blog, e in cui specifico che, semplicemente, "non ho idee politiche", non sono mai stato iscritto a nessun partito, organizzazione e quant'altro (e dubito di farlo anche in futuro), e la invito a verificare se, ciò che ho scritto, corrisponde a verità.

3) Chiarite, spero, queste due cose (non ho pregiudiziali ne umane, ne ideologiche), vorrei infine dirle che io ho semplicemente le "mie", molto personali, idee, e quelle scrivo da comune Cittadino...e come su molte cose la stimo e la apprezzo (ad esempio per tutto quello che riguarda ciò che è stata capace di fare, e fa, nell'ambito del "Sociale", ho avuto in passato molte perplessità su alcune vicende che vedono, tra le più importanti, la gestione della corretta informazione ai cittadini sui lavori per la Metro C a via Plava, e quella (sempre sotto il profilo dell'informazione, e qui, anche del merito) della sua difesa a spada tratta del progetto per la riqualificazione del deposito ATAC, due cose che, secondo me, sarebbero dovute essere trattate in modo assolutamente diverso, sopratutto da chi è di sinistra e che, perciò, "dice" di tenere molto alla trasparenza, all'informazione, e al dialogo.

Sicuramente lei non sarà d'accordo con me, su queste critiche, perciò, se lo desidera e, sopratutto, se lo ritiene opportuno e ne ha tempo, la invito ad una discussione su questo e può star certa che pubblicherò ogni sua posizione a proposito.

Ora, comunque, si è aperta una nuova Consiliatura, e gli argomenti su indicati, al momento, sono "congelati" perché pare che il Comune (alcuni dicono) non abbia la disponibilità finanziaria per far arrivare qui la Metro C e la riqualificazione dell' ex deposito sia tutta da ridiscutere dopo che i residenti, nell'assemblea svoltasi il 20 febbraio di quest'anno, hanno duramente criticato l'iniziativa.

Io ho letto con molta attenzione le linee programmatiche da lei indicate per la Consiliatura 2008-2013, e come ho già avuto modo di scrivere, le sottoscrivo appieno e, insieme ad ogni altro residente che le apprezzi, le auguro sinceramente di poter portare a termine ogni cosa lì indicata, credo anche però che sia normale ricevere delle critiche qualora qualcosa non dovesse riuscire a concretizzarsi (come, ad esempio, il perdurare dei lavori in via Oslavia nonostante le sue promesse).

Le rinnovo ancora l'invito a usare più spesso (informazioni di partito a parte) questo Blog se pensa che ciò possa essere utile ad informare i residenti sulle iniziative del Municipio e, per dimostrarle la mia buona volontà, la informo che ho scoperto stamane, per caso, il suo bel sito, di cui ignoravo l'esistenza, e lo ho aggiunto ai link nella sezione: "Siti per il Municipio XVII"

In attesa di un chiarimento sulla vicenda della email...

Cordiali saluti e buon lavoro.

domenica 15 giugno 2008

Seconda "Passeggiata per Prati"...

Si è svolta domenica 15 giugno la seconda "Passeggiata per Prati" organizzata dall'Associazione Civico17, (la prima era stata organizzata domenica 11 maggio").















Lo scopo della iniziativa è quello di far conoscere, ad un numero sempre maggiore di abitanti del quartiere, la storia, l'arte, l'urbanistica del nostro territorio attraverso passeggiate aperte a tutti . Le passeggiate non sono impegnative dal punto di vista fisico e sono stimolanti nella proposizione dei temi.








Anche questa volta, le due guide (prof.ssa Patrizia Catani ed arch. Andrea Bassan) hanno proposto i loro temi con leggerezza e competenza ad un gruppo di circa 60 cittadini di ogni età.














Al successo di questa giornata hanno contribuito sia la pazienza dei condomini, che hanno volentieri aperto alla curiosità dei partecipanti i loro splendidi cortili condominiali, che il Parroco del Cristo Re, che ha accolto una "festosa invasione" tra due messe successive in chiesa e nella splendida cripta sottostante ( una sorpresa per tutti !!! )



Le due prime passeggiate sperimentali, confermano il grande interesse per l'iniziativa testimoniato dalle numerose domande e dalla richiesta unanime di prossime occasioni di incontro.


Civico17 raccoglierà i commenti degli intervenuti per migliorare l'organizzazione delle passeggiate e per stabilire un programma più strutturato e fruibile da un numero maggiore di concittadini, dal prossimo autunno.

sabato 14 giugno 2008

Video Intervista con Dario Chianelli

Questa è bella !!! Vi ricordate la vicenda del Pigneto e le ultime storie comparse su TV e Giornali secondo cui Dario Chianelli Avrebbe voluto organizzare delle "ronde" per controllare cosa succede nel suo quartiere ???

Bene allora visionate questa sua intervista...

Saluti

Continua tra maggioranza e opposizione, la polemica sulle strisce blu...

Ricevo e pubblico una email inviatami da Luca Aubert (a cui segue un mio commento)

STRISCE BLU: AUBERT (PDL), SINISTRA FA SOLO PROPAGANDA

«La maggioranza di centro-sinistra nel XVII Municipio sulla sosta tariffata fa solo propaganda. Il Presidente del Municipio De Giusti sa bene che la Giunta Alemanno affronta una emergenza causata da una sentenza del TAR che ha stigmatizzato duramente dieci anni di dissennata politica della sosta della sinistra al Campidoglio; raccogliere firme per un problema di fatto già risolto è pura e becera demagogia, quando il piano del Comune per il XVII Municipio per le "strisce blu" è ben noto al Presidente De Giusti e alla sua maggioranza: sosta tariffata nel rione Prati a un prezzo ragionevole, parcheggio gratuito sul Lungotevere così come intorno a tribunali ed ospedali. La mobilitazione di oggi della sinistra e dell'ultrasinistra è stata una scelta ipocrita e strumentale, siamo curiosi di conoscere anche quali sarebbero queste fantomatiche associazioni di cittadini sorte improvvisamente che chiedono a gran voce le "strisce blu". Se le giunte comunali appoggiate dalla De Giusti e compagni avessero gestito il problema con più saggezza ed equilibrio, preoccupandosi di non calpestare impunemente la normativa sulla sosta pur di fare cassa, oggi non saremmo a questo punto: sarà nostra cura informare i residenti su come stanno veramente le cose spiegando loro chi devono ringraziare per il caos di questi giorni e vediamo se il collega Mazzoni pubblicherà tutto sul suo "blog verità".
Tra l'altro Mazzoni forse non ricorda che è nostra la proposta di organizzare un referendum consultivo fra i residenti, accolta dalla maggioranza tanto che la sinistra cerca persino di farla passare come una sua idea...che non mi sembra essere la stessa cosa di raccogliere firme nelle sezioni di partito, la democrazia ha delle regole certe che vanno rispettate. Per chi poi parla di regole certe nel blog, ricordo che la Giunta Alemanno e l'Assessore Marchi sulla sosta interpretano correttamente i desideri e le aspettative anche dei residenti di Prati, che pretendono un uso più razionale della sosta tariffata, rispettoso del dettato dell'art. 7 comma VIII del C.d.S. che prevede aree destinate al parcheggio gratuito nelle vicinanze delle "strisce blu", norma che il centro-sinistra si è allegramente messo sotto i piedi quando amministrava la Capitale

Luca Aubert, capogruppo del PdL al XVII Municipio di Roma
------------------------------------------------------

Vorrei commentare (dal mio punto di vista "apolitico"):

1) Sulla politica dissennata della sosta fatta dalla sinistra in passato, e sul fatto che il nostro Municipio non avrebbe dovuto seguire ad occhi chiusi quanto gli veniva imposto:

ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO ! (e invito Luca Aubert a leggere, se già non lo ha fatto, i VARI articoli presenti nel Blog sullo specifico argomento)

2) Sul fatto che il piano del Comune per il XVII Municipio è ben noto alla Presidente De Giusti e pertanto, la raccolta delle firme è un'iniziativa inutile e solo mera propaganda:

Se il piano di cui si parla è già tutto scritto e ben definito, perché non ci fate sapere cosa dice e la data di attuazione ? Qui vorremmo lasciar fuori le vostre pur giuste battaglie politiche e parlare di cosa state facendo per risolvere i problemi, perciò, propaganda o meno, ben vengano le firme a sostegno che, magari, serviranno da ulteriore stimolo per far si che questo piano si attui al più presto.

3) Sulle fantomatiche associazioni di cittadini sorte improvvisamente:

Io ne conosco una sola, Civico 17, che non è certamente nata ieri, e che ha appoggiato spontaneamente l'iniziativa del Municipio, raccogliendo anch'essa le firme, credendo di farlo nell'interesse dei residenti, come altrettanto faccio io quando gli do una mano su alcune iniziative concrete e sensate che questa Associazione si propone di svolgere nel quartiere, non preoccupandomi di certo se poi queste avvantaggeranno una parte politica od un'altra

Saluti

Raccolta gratuita di rifiuti domestici ingombranti

Roberto Tavani, Assessore all'Ambiente, ci fa sapere che:

Domenica 15 Giugno, (domani) dalle ore 8.00, nel parcheggio di Piazzale Clodio/Largo Livatino - fino alle ore 13.00 - vi sarà la periodica raccolta straordinaria e gratuita di rifiuti domestici ingombranti quali frigoriferi, lavatrici, televisori, sedie, divani, stampanti, nastri, cartucce di toner e biciclette.

Queste ultime, grazie ad un accordo su tutto il territorio comunale, verranno riciclate e poi messe all'asta dall' Associazione Ciclonauti che nel nostro Municipio XVII, nella passata consiliatura, ha organizzato le Domeniche Ecologiche.

Siete tutti invitati, ai fini della tutela del decoro e della migliore qualità del territorio, a partecipare all'iniziativa contribuendo al corretto smaltimento di questo tipo di rifiuti. L'iniziativa è a cura dell' AMA in collaborazione con TGR Lazio. Per ulteriori informazioni è possibile chiamare il mio assessorato allo 06-69617653 o il numero verde 800 867 035.

I prossimi appuntamenti per il 2008 saranno, sempre a Largo Livatino, nelle date del 19 Ottobre e del 14 Dicembre.

Per quanto riguarda invece il corretto smaltimento dei rifiuti ingombranti negli altri giorni della settimana vi informo che " l'isola ecologica " più vicina al nostro territorio è quella di Viale dei Campi Sportivi 100 ( all' Acqua Acetosa ), aperta tutti i pomeriggi.

Invece, per le segnalazioni su evenutali cassonetti per la differenziata da svuotare, ricordo che esiste un appposito servizio AMA inviando un sms al numero 3404315588 in cui va specificata la via, il numero civico e il colore del contenitore da svuotare.

venerdì 13 giugno 2008

La posizione del PDL sulle strisce blu...

ricevo e pubblico un comunicato di Luca Aubert:

STRISCE BLU: LA SINISTRA CAVALCA UNA PROTESTA DEMAGOGICA E STRUMENTALE


«La sinistra alla guida del XVII Municipio sulla sosta tariffata cavalca una protesta demagogica e strumentale e diffonde persino notizie false e tendenziose. Il Presidente De Giusti dimentica che la Giunta Alemanno si ritrova a fronteggiare una emergenza causata da una sentenza del TAR che ha stigmatizzato duramente dieci anni di politica della sosta della sinistra al Campidoglio, che ha violato sistematicamente la legge; le presunte rivolte popolari riferite non si sono viste, così non si hanno conferme di fantomatici comitati di quartiere spontanei, se non fatti nascere ad hoc da qualche consigliere municipale. L'Assessore Marchi sta affrontando la situazione con determinazione e tempestività, ed è pronto al dialogo non solo con i vertici istituzionali del Municipio, ma anche con i cittadini: sarà presente ad una assemblea aperta ai cittadini di Prati che verrà organizzata a breve dal PdL; il p iano del Comune - ben noto al Presidente De Giusti- rispecchia le proposte dell'opposizione: sosta tariffata a Prati a un prezzo ragionevole -massimo un euro-, parcheggio gratuito sul Lungotevere e intorno a tribunali ed ospedali. La De Giusti non sa che nelle caseme dove una volta c'era il distretto militare già parcheggiano da tempo i dipendenti della Corte dei Conti, mentre dovrebbe sapere che in politica la fretta è una cattiva consigliera e la demagogia non paga»

Luca Aubert, capogruppo del Popolo della Libertà al XVII Municipio

Altre postazioni per raccolta firme "Strisce Blu"

Lorenzo Mazzoni ci fa sapere che anche il Municipio XVII sta raccogliendo le firme dei residenti e che, sempre sabato 14, dalle 10,30 alle 13,30, saranno organizzati altri due punti di raccolta:

Via Sabotino (davanti al Mercato)
Via Andrea Doria 41 angolo Via Tunisi (Mercato Trionfale)

Saluti

giovedì 12 giugno 2008

Un proposta interessante...

Ho appena visitato il Blog TolleranzaPuntoZero, su cui è comparso un articolo che ritengo molto interessante e sensato, e che, perciò, invito a leggere: Che fare (mezzi pubblici e sensibilizzazione)

Saluti

Raccolta firme per Strisce Blu...

Il ritorno alla sosta libera sul nostro territorio, sta procurando notevoli disagi ed un aumento cospicuo della già alta concentrazione di autovetture che vi circolano. Il Municipio XVII, maggioranza e opposizione sostanzialmente d'accordo, anche se litigano su "di chi è l'idea", sta chiedendo a gran voce di ripristinare al più presto, le famose "strisce blu" a pagamento.

Non tutto il male vien per nuocere, però, perchè, con l'occasione, è in atto una discussione sulla eventualità di non ripristinarle così come erano ma di tener conto delle giuste proteste di molti Cittadini (tra cui il sottoscritto) che chiedevano di far rispettare il limite imposto dal Codice della strada che nega la possibilità di parcheggiare il proprio mezzo a meno di 5 metri da un incrocio.

L'ho già scritto fino alla noia, ma mi sembra il caso di ripetere che tale norma è dettata dal buonsenso perché, se a causa delle auto parcheggiate, si limita la visibilità, il rischio di incidenti stradali, aumenta enormemente e non so se il costo che la comunità si sobbarca per curare chi ha subito un incidente sia compensabile con i ricavi ottenuti da quei pochi posti in più a pagamento.

Molti obiettano che la gente parcheggerebbe comunque la propria auto agli incroci trovando, tra l'altro, insperati posti "gratis".

Io su questo avrei i miei dubbi perché la sanzione (che ora non viene applicata proprio perché sono presenti le "strisce blu"), è assai più onerosa di un semplice "divieto di sosta" e comporta anche la perdita di punti sulla patente, nonché la eventualità di una rimozione forzata con ulteriore perdita di tempo e denaro.

Questo, ovviamente, se i Vigili Urbani faranno la loro parte.

Comunque a questo proposito, se proprio per esigenza di "cassa" non si può rispettare in pieno i dettami del codice della strada, una alternativa la avrei proposta da tempo (clicca e leggi) ed è stata recepita da Civico 17 che si sta impegnando, a sostegno delle richieste del Municipio, nella raccolta di firme per il ripristino delle strisce blu.

Pertanto invito i miei lettori, ovviamente se sono d'accordo, a passare
sabato 14, tra le le 10,30 e le 12,30, a Via Cola di Rienzo, davanti all'ingresso dei magazzini "Coin", dove troveranno alcuni soci di Civico 17 che, muniti di appositi moduli (clicca e leggi), raccoglieranno le firme di chi volesse aderire alla proposta.

Saluti

Problemi a largo della Gancia...

Ricevo e pubblico, nella speranza possa servire a qualcosa, una richiesta di Massimo che così ha scritto:

Volevo anche io chiedere un intervento (magari senza raccolta di firme) per risolvere l'annoso problema di l.go della Gancia. Io abito in via Francesco De Sanctis, 15 angolo l.go della Gancia dove da anni avviene una sosta selvaggia senza ordine nel centro della piazzetta ostacolando notevolmente la circolazione della stessa con grave pericolo per i pedoni che non hanno più spazi per l'attraversamento. Almeno una volta a settimana intervengono i vigili urbani con il carro rimozione ma come si allontanano torna subito il caos. Mi sono spesso chiesto che costerebbe davvero poco fare al centro della piazza una rotatoria a marciapiede (il top sarebbe un piccolo giardino magari con un albero al centro e panchina), o in subordine fare le strisce blu anche al centro della piazza per regolamentare la sosta. A tal proposito cosa si potrebbe fare?? Personalmente ho scritto una mail al nuovo vicepresidente del municipio 17 Alberto del Gobbo, che conosco personalmente, ma nemmeno mi ha risposto. Certo che se la rimozione auto settimanale serve a fare cassa sarebbe inutile qualunque iniziativa. Vi ringrazio

mercoledì 11 giugno 2008

Via Oslavia...a che gioco giochiamo ???

"Entro la fine dell'anno (2007) sarà tutto finito e riconsegneremo via Oslavia ai suoi residenti..."

Spero che la nostra Presidente Antonella De Giusti, si ricordi di averlo affermato, anche in una intervista rilasciata ad una TV locale, alla fine dello scorso anno.

Purtroppo, non solo ciò non si è verificato, ma, da qualche giorno, sono iniziati altri lavori, (oltre a quelli già presenti e mai terminati che precludono da lungo tempo l'acceso a via Col di Lana).

Ora è bloccato anche l'accesso a via Montello e non vedendo alcun cartello che possa far capire di che lavori si tratta, se non il foglietto qui a sinistra che vi invito a leggere cliccandoci sopra (una comune ordinanza di chiusura al traffico tra via Oslavia e via Montello), ieri mi sono avvicinato ad un operaio che mi ha risposto: "stamo a fa le fogne !" ... E già, forse dimenticavo che qui siamo in Italia dove prima si richiude la strada, si asfalta...e poi si riapre e si fanno le fogne, tanto... paga Pantalone.


Non sarà il caso di informare innanzi tutto gli abitanti della via, e anche noi altri residenti, sullo stato dei lavori e su quando finirà, realmente, questa "fabbrica di San Pietro ???"

Saluti

lunedì 9 giugno 2008

Torna Invito alla Lettura a Castel s.Angelo, dopo un esilio di 5 anni.

E' una bella iniziativa, e tutti noi ci interroghiamo, insieme a Rosanna Vano, sui motivi che l'hanno esclusa dai Giardini di Castel S.Angelo per tutto questo tempo.

Oggi si chiama “Letture d’estate lungo il fiume e tra gli alberi”, e risorge dopo le polemiche.

Torna “Invito alla lettura” dopo 5 anni di esilio

Rosanna Vano, direttrice della manifestazione: “Abbiamo dato fastidio a molti”

“Ciò che manca a Roma e all’Italia è innanzitutto il senso civico, l’educazione nei comportamenti quotidiani da parte delle persone: pensi ad esempio alle soste selvagge in doppia fila, che bloccano il passaggio degli autobus. Noi adulti ci lamentiamo che i bambini non sono educati e non leggono libri, ma che esempio possono avere, loro, da parte nostra?”.
“Invito alla lettura”, dal 21 Giugno al 17 Agosto, torna quest’anno a Castel s.Angelo, e Rosanna Vano, creatrice e direttrice della manifestazione, è un fiume in piena anche alle 9 di lunedì mattina. Quest’anno il nome dell’evento è nuovo (si chiamerà “Letture d’estate lungo il fiume e tra gli alberi”), ma la sua storia è già molto importante e sofferta. Tutto nasce 22 anni fa, con l’idea di realizzare, nei giardini del sepolcro di Adriano, una delle manifestazioni culturali più fiorenti e suggestive della capitale. L’intuizione è subito un successo, e l’ ”Invito” è raccolto da decine di migliaia di persone, che nel caldo dell’estate romana potevano unire il piacere di una passeggiata a quello di un passaggio, anche veloce, tra migliaia di libri e altre forme d’arte.
L’evento funziona, il pubblico è numeroso, la manifestazione diventa un appuntamento fisso per molti cittadini, di qualsiasi provenienza politica e sociale. Tuttavia, come spesso capita in Italia, le iniziative genuine, nate per unire e non per dividere, possono infastidire qualcuno, tra le alte sfere, che non abbia una visione completa della cultura e della libertà. E questo destino, secondo la dott.ssa Vano, è toccato a Invito alla Lettura, colpevole di una onestà intellettuale e culturale eccessiva, e per questo esiliata dal 2003 al 2007, e di fatto uccisa dall’amministrazione comunale.

Dott. ssa Vano, “Invito alla lettura” torna dopo 5 anni nella location tradizionale. Cosa è successo nel frattempo?

Sicuramente, sono stati anni densi e sofferti! Diciamo che la manifestazione era lì dal 1986, ed è sempre stata assolutamente autonoma e indipendente, nel senso che non ha mai avuto contributi di denaro pubblico. Questa indipendenza la rendeva non “ricattabile”, e non rendeva negoziabili le idee che abbiamo sempre portato avanti, nel segno della gratuità e della qualità dell’offerta. L’autonomia e il successo della manifestazione, però, ha dato fastidio a molti, soprattutto perché quello che abbiamo offerto era qualcosa che potesse essere apprezzata dal maggior numero di persone possibile, a prescindere dal colore politico. E così molti ospiti, che mi erano stati “affettuosamente” sollecitati, non sono stati invitati, perché io ritenevo che non potessero essere compatibili con il concetto di una manifestazione aperta a tutti. Un esempio per chiarire: Renato Curcio non è stato invitato e non ha parlato, anche se era socio di una cooperativa che si occupava di edizioni, non per un motivo di censura, ma per l’idea che la presenza di un condannato poteva offendere la sensibilità di qualcun altro. Tutto questo ha creato, ripeto più di un malumore.

Malumori così forti da causare la scomparsa della manifestazione?

Assolutamente sì! Non esito a dire che c’è stato un intento preciso di uccidere e cancellare “Invito alla Lettura” dalla faccia della terra, e che l’artefice di questo disegno è l’amministrazione comunale uscente. Il Gabinetto del Sindaco, nel 2003, ha risposto in grave ritardo alla mia lettera, con la quale proponevo il rinnovo della manifestazione, e mi ha fatto sapere di averne spostato la sede prima in Villa Borghese, e poi sul Lungotevere Tor Di Nona. Salvo poi ritrattare tutto, e negare la competenza in riferimento a quella zona, per la quale l’autorità competente è l’Ardis.

E alla fine siete riusciti a gestire uno spazio così diverso da quello “storico”?

Per quell’anno, tra spostamenti e ostacoli vari, ci siamo arrangiati, organizzando anche un servizio d’emergenza durante il famoso black out della Notte Bianca. Ma il Sindaco e il suo Gabinetto, con estrema riconoscenza, non si sono mai degnati di rispondere alle nostre ripetute istanze per gli anni successivi. Le confesso che sono arrivata a chiamare il dr. Odevaine (ex-capo di Gabinetto di Veltroni, n.d.r.) e l’Assessore alla Cultura Borgna tra le dieci e le dodici volte al giorno, ogni volta con una umiliazione crescente. Dopo l’ennesimo silenzio, mi sono ritirata in buon ordine, perché credevo che Invito alla lettura, come altre manifestazioni, avesse finito il suo corso. Ma poi ha prevalso l’indignazione, nel vedere buttare il denaro pubblico in svariate manifestazioni pseudoculturali, alcune delle quali francamente discutibili. Oltretutto, la pazienza è arrivata al limite quando ho visto concedere l’area di Castel s.Angelo ad altre persone e ad altre iniziative. Riguardo a tale comportamento, mi sono cautelata rivolgendomi alla Procura della Repubblica.

Veniamo ai contenuti e ai numeri della mostra. Cosa prevede “Invito alla lettura” di diverso rispetto alle altre, e numerose, Fiere del Libro?

Innanzitutto, da noi non esiste il biglietto d’ingresso, e dunque l’evento è assolutamente gratuito. Seconda cosa, ci proponiamo di far uscire il libro esce da un ambiente togato e aureo per farlo andare in mezzo alla strada e alla gente. Tra i nostri affezionati, molti non erano mai entrati in biblioteca prima, e in un modo o nell’altro si sono legati a noi, e all’amore per la cultura. Altro elemento importante, Invito alla lettura cerca di fornire il libro a prezzi adatti a tutte le tasche. Noi abbiamo, ad esempio, una vasta scelta di testi che vendiamo a un euro, e questo vuol dire che chiunque arriva, può comprare senza traumi. Ultima cosa, noi offriamo un servizio di biblioteca all’aperto, per cui si può prendere un libro, leggerlo sulle panchine, e poi può rimetterlo a posto senza doverlo comprare per forza. La formazione, per la mia etica, viene prima di qualsiasi altra cosa. La nostra funzione, più o meno, è quella di erudire divertendo.

Di recente il libro, alla Fiera di Torino, non ha mancato di dividere e di alimentare polemiche sterili. E’ possibile che nel nostrao Paese non si riesca a portare avanti un’iniziativa senza le barricate dei faziosi di turno?

Le rispondo in maniera politicamente scorretta: questo è un Paese che soffre di un eccesso di democrazia, e non ha la storia per poterlo esercitare. Mi spiego meglio: l’Italia è Nazione da un secolo e mezzo, e non c’è stato il tempo materiale per poter unire il nostro popolo. Le beghe di campanile sono all’ordine del giorno, e gli italiani, da nord a sud, spesso ragionano con il criterio del “davanti a casa mia”. Nazioni più cementate della nostra sono passate attreaverso ben altre tragedie; qui, invece, se qualcuno starnutisce in modo sbagliato, si apre subito una polemica. E allora, delle due l’una: o le polemiche sono alzate per coprire altri e più gravi problemi, o la pochezza della nostra informazione è tale da scendere sempre nel “pecoreccio”. Allora mi dico che nel nostro paese c’è troppa democrazia e forse troppo poco senso dello Stato. In questo quadro, dunque, è facile polemizzare su una faccenda così delicata come quella di Israele, sulla quale non abbiamo alcun diritto di mettere bocca.

Molti eventi culturali romani hanno negli ospiti internazionali, prestigiosi o meno, un loro punto di forza. Nell’edizione di quest’anno ne avete previsti?

Noi non abbiamo ospiti di sorta, quello che proponiamo è una garbata animazione nel rigoroso rispetto dei vicini residenti e nel rispetto dei luoghi. Castel S’Angelo è adatto ad una passeggiata, non ad una vocatio ad populum; spesso, mi è capitato di rifiutare ospiti prestigiosi, anche a titolo gratuito, proprio perché non dispongo del luogo adatto. Se vengono10000 persone in una sera e sono tutti assiepati in un piccolo spazio, io ho seri problemi di sicurezza. A tal proposito, le regole sono rigorose anche per quanto riguarda l’orario. La mostra è aperto dalle dieci a mezzanotte, e poco prima della chiusura spengo l’amplificazione, chiunque ci sia dentro, perché i residenti hanno il diritto di stare tranquilli, e bisogna operare nel rispetto dei diritti di tutti. Qui, l’ospite distrarrebbe l’attenzione del pubblico dal bel libro. In altri termini, i nostri non sono libri che vanno al Maurizio Costanzo show, tutti i libri che ho presentato hanno degli standards di qualità molto alti, che spesso non vanno di pari passo alla sovraesposizione mediatica.

L’Italia è piena di aspiranti scrittori, ma di non altrettanto entusiasti lettori. Anzi, recenti indagini dell’Istat rilevano che molti italiani hanno difficoltà persino a decifrare un articolo di giornale. E’ così difficile apprezzare un libro, o leggere con passione?

Non credo sia difficile in sé, il problema è molto più vasto, c’è il fenomeno dell’analfabetismo di ritorno, che io constato ogni giorno, e che mi preoccupa sempre di più: recentemente all’ufficio postale ho aiutato due persone, apparentemente di ceto sociale alto, a compilare un conto corrente postale... Questa condizione è causata dall’appiattimento verso il basso dei mezzi d’informazione in senso lato, parlo anche delle reti televisive. Purtroppo, quando si diminuisce il valore del sapere, della scolarizzazione, della lettura, vengono offerti dei modelli distorti. Pensi a cosa è successo al centro commerciale I Granai per il casting delle Veline…se per una ragazza fare la velina, tutta apparenza e niente sostanza, è una aspirazione, e la tv propone modelli simili, le sembra poi tanto assurdo che la gente non legga? Io credo che questa sia solo una logica conseguenza.

Roma si presenta come il paradiso per gli amanti della cultura: mostre-evento, feste, Case dedicate alle varie forme d’arte. Eppure la sua esperienza ci insegna che forse qualcosa non va. Cosa manca a questa città per essere matura e completa, anche nella cultura?

Questa è una città che ha una serie di problemi legati da una parte alla sua vocazione turistica, e dall’altra al suo status di capitale. Si pensi alle sedi diplomatiche non solo italiane, ma anche riconducibili al Vaticano e alla FAO. Oltre a tutto ciò, a Roma abbiamo un numero straordinario di funzioni pubbliche, tra ministeri e quant’altro, e negli ultimi anni si è assistito a una crescita dissennata, operata senza nessun controllo, delle edificazioni. Questi sono i problemi di qualsiasi capitale, ai quali si aggiungono quelli specifici legati al patrimonio storico di Roma . Per capirci, solo qui accade che, ogni volta in cui un’opera debba essere realizzata, si scopra una miriade di ville, rovine o reperti appena si scava sottoterra. Così facendo, si creano una eterna cantierizzazione, ostruzione delle vie, ostacolo al trasporto pubblico…Per ovviare a questi ostacoli, bisognerebbe razionalizzare la gestione di tutto ciò che è storia nella nostra città, per evitare l’abbandono dei monumenti a se stessi, per aumentare la trasparenza nel gestire le risorse a disposizione. E’ triste constatare che la trasparenza non sempre è l’elemento che risalta nella gestione della cosa pubblica.

Marcello Santopadre (intervista pubblicata su "La Nuova Voce" il 30.05.08).

giovedì 5 giugno 2008

Seconda "Passeggiata per Prati"

Civico 17, dopo aver organizzato la prima "passeggiata" e visto il notevole successo e gradimento dell'iniziativa, (vedi foto), ha subito pensato bene di proporne un'altra Domenica 15 giugno.



Questa volta, la passeggiata culturale, ha come titolo:" Da Piazza d'Armi a piazza Mazzini" e, come la volta scorsa, si verrà accompagnati da Patrizia Catani e Andrea Bassan



La visita si propone di seguire i momenti salienti del primo sviluppo urbanistico, architettonico e storico-artistico del quartiere Delle Vittorie, ma non tralascerà di presentarne aspetti di cronaca e curiosità .



La durata del percorso è di circa 2 ore e l'appuntamento è nei giardini di piazza Mazzini alle 10







Percorso previsto: Piazza Mazzini, le Poste, da via Brofferio a via Nicotera, ponte Risorgimento, chiesa di Cristo Re.



La partecipazione è gratuita.











E' gradita una conferma ai seguenti indirizzi:

silvia.gnetti@tiscali.it o raffaeletommaso.caruso@fastwebnet.it.


Saluti

martedì 3 giugno 2008

Ricorso al TAR del Lazio del PDL...

A completamento dell'articolo relativo al riscorso al TAR del Lazio, presentato dal PDL, che contesta il risultato elettorale del nostro Municipio, dove Antonella De Giusti ha evitato il ballottaggio per soli 8 voti, e su cui continuano ad arrivare interessanti commenti e discussioni, Luca Aubert ha messo a disposizione sul suo sito il documento del ricorso che mi sembra interessante leggere, per avere un quadro, il più possibile completo, della situazione.

Saluti

Linee programmatiche della nuova Consiliatura...

Ho appena letto le linee programmatiche del Municipio XVII per la Consiliatura 2008-2013, (Scarica o leggi il documento) ...che dire ? Beh, tanto per far capire quanto le apprezzi, non ho alcuna difficoltà nell'affermare che se tutto quello che è nelle intenzioni, verrà realizzato, mi riprometto, nel caso la Giunta che ora è al governo, si ripresentasse al prossimo turno elettorale, non solo di votarla ma anche di fare, per lei, il tifo più esagerato.

Insomma le premesse ci sono, se diventeranno fatti...lo vedremo, intanto auguri di buon lavoro.

Saluti

Strisce blu...dico la mia

Dopo aver scritto vari articoli in cui denunciavo la pericolosità, e perciò la scarsa attenzione alla salute pubblica, da parte di chi, in barba al Codice della strada, aveva deciso di "far cassa" disegnando parcheggi a pagamento anche in corrispondenza degli incroci, dove, invece, ci dovrebbe essere un "vuoto assoluto" tale da permettere la visibilità a chi ci transita onde evitare, il più possibile, il rischio di incidenti, ci ritroviamo, ora, in uno scenario completamente diverso (o almeno così dovrebbe essere).

Dico "dovrebbe" in quanto le auto agli incroci, infilate in quelle strisce che, oramai, sarebbero da considerare come "inesistenti", ci parcheggiano ancora e non ho visto nessun Vigile urbano cominciare a multarle.

Spero che presto la faccenda delle "Strisce blu" venga chiarita e che, finalmente, vengano ri-istituite, MA, stavolta, con attenta osservanza del codice della strada e dei criteri, regolarmente disattesi, di lasciare una certa quota di parcheggi liberi, accanto a quelli a pagamento.

Intanto, da indiscrezioni ricevute, pare che gli addetti dell' ATAC, che solitamente giravano a fare le multe per divieto di sosta, siano stati dirottati sui mezzi pubblici per controllare che tutti paghino il biglietto...(ma che idea fantastica...non gli poteva venire prima che il loro bilancio diventasse fallimentare e fossero costretti a vendersi i "gioielli di famiglia" ai palazzinari, come le aree degli ex depositi ???).

Saluti
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...